C’era una volta una Baba.

Seduta assieme a delle altre, anni fa, in Bra, c’era una Baba. Ben tenuta, ben messa, ben vestita, ben pensionata. Sento che dice: He! Quando lavoravo alla Sip… Mi gelo! Ma come, questa Baba, è stata una delle angeliche voci della Sip? (La Sip, ora Telecom) In questi giorni, e con la stessa raggelante sorpresa, ho constatato la stessa discrepanza in idee, (le mie), fra persona, (ciò che uno/a è), e cultura: cio che uno/a dice. Ammettendomi illuso, ancora a tarda età, pensavo, che sulle pagine dei Blog, si raccontasse ciò che uno/a, è, non, ciò che uno/a vuol apparire. Non è esclusa la prima ipotesi, ma, pare, che la seconda, imperi. O, quanto meno, non si sa più distinguere l’una dall’altra. Per carità! Tutto va bene signora Marchesa A parte un fatto! Quale peso dare ai Blog, se i piatti della nostra bilancia, potrebbero essere falsati? Questioni di lana caprina, mi direte.

Non per chi ci mette il cuore.

afinedue