Il Padre: l’idea Makalu, e l’idea "per Damasco".

Caro Kalù: a mio avviso, il Padre non merita affatto la fama di sbattiballe che gli imputiamo quando ci risulta carente pagatore dei suoi debiti verso di noi. La fama di presente in teoria ma in pratica assente anche quando non sappiamo come pagare le bollette della luce, viene dalle lontane baggianate che sono state dette dopo di Cristo. Lo sostengo per ragionamenti che ti invito a seguire: se non per altro, per amor di discussione.

Quando pensiamo ad un’Entità prima, (e, quindi, suprema perché assoluta), non possiamo non ragionare per concetti primi. Cristo, riconobbe quell’Entità col concetto primo di Padre. Concorderai, che non vi è concetto più universale di questo; ne più grande di altri, perché, essendo Unico, è supremo di per sé. Se il Padre è Entità prima, e noi entità conseguenti alla volontà di vita di quel Concetto, possiamo dirsi suoi figli? A mio avviso, no. Il perché è presto detto.

Al principio della vita, vi è la Vita che ha generato il suo principio: la vita. Si può dire, pertanto, che avendo generato il suo principio, l’unico figlio del Padre è la vita, non, una vita. Perché la vita è l’unico figlio del Padre? Perché un’Entità prima, (ricordala come suprema perché assoluta), non può generare che un’idea suprema perché assoluta. Allora, se la vita è l’unico Figlio del Padre, e, se avendo vita noi, ci dimostra di essere puntuale pagatore dei suoi debiti, per quale motivo dovrebbe risultarti un bastardo sia pure con riserva di esistenza?

Credo di trovare un eventuale motivo, nella storia teologica che è nata dall’interpretazione di Immagine e Somiglianza. Secondo quell’interpretazione, per essere veramente tale, un padre deve possedere certi attributi, quindi, a maggior ragione li deve avere il Padre! Questo è vero, solamente se per Immagine a nostra Somiglianza, pensiamo ad un Immagine prima. Quale la prima immagine del Padre? La vita. Quale stesso concetto del Padre possediamo? La vita. Quale la differenza fra Immagine e Somiglianza? Nel diverso stato di vita: suprema quella del Padre. Quella che è nel nostro. Allora, Kalù, sei ancora dell’idea che il Padre sia un bastardo, o comincia a pensare che ci hanno snaturato l’idea di Padre?

afinedue