Da Carlo non più a Pabloz70

Caro Pabloz: non chiedere alla foglia sull’acqua perché quella mattina è caduta.

E’ parte del sistema che mi hanno detto vita.
Ora, il mio nome sulla via è una memoria che si va sbiadendo.
Qui si narra un’altra storia.
La si narra sorridendo.
Ti saluto col mio nome di una volta.
Il resto non importa.

nord