Giardini e galere

Un amico che non mi vedeva da tempo nel giardino, m’ha chiesto se non ci ero più venuto a causa di una banda di moldavi che picchiava e derubava i Finocchi. Da un paio di questi, mentre era in compagnia di un suo amico arabo (amico, non amante) ha sentito dei passi di corsa dietro di lui. Si gira. Vede chi correva. Con lo stesso velocistico impegno di quei parassiti, taglia la corda. La sera dopo, rivede l’arabo e lo rimprovera per non averlo difeso. L’arabo gli risponde: che vuoi che faccia! Io ci vivo, qui! Già!

afinedue