Carissima: per questa volta, balla anche con me.

Riservo l’uso del linguaggio aperto, quando mi ritrovo a relazionare di persona, o quando ho una buona confidenza (personale e culturale) con il dato interlocutore. Ulteriormente lo uso, quando parlo di me. Parlare di sé stessi su queste pagine, (come fra amici, ecc,) vuol dire lasciar sempre aperta la porta di casa. Può entrarci l’amico/a, (ossia, la gratificante opinione) ma può anche entrarci il ladro: con ciò intendendo, l’opinione impoverente_distruttiva.

Chi non ne mette in conto la possibilità, la paga. Chiudere un blog perché abbiamo ricevuto un’opinione negativa, è rifiutarsi di pagare una lezione, e questo, a mio avviso, dice la fragilità (o un momento di fragilità) di chi chiude un blog. Il non riconoscere la lezione è una difesa? E’ un errore? Ad ognuno il suo pensiero, e le sue decisioni.

afinedue