La storia della Torre di Babele mi gira per la testa da anni.

Sull’origine e sui significati della Torre, la wikipedia dice questo…

Mi sono bastati tre micro secondi, per perdermi in quel questo. Così, butto via tutto, e te la racconto secondo me. Vedo la Torre di Babele, come la struttura che rappresenta l’innalzamento della nostra conoscenza. Per quell’innalzamento, siamo persino giunti a replicare la creazione umana, animale, vegetale. Non solo. Per quell’innalzamento, i referenti religiosi (non esenti da commistione con il potere politico) sono giunti, persino, a dir di conoscere la Verità, e quel che è peggio, ( a mio avviso ) a pretendere d’imporla. Non occorre che ti dica il Caos che ne è derivato, e che tutt’ora ne deriva.

Tornare a tempi prima della costruzione è assolutamente illusorio. E chi li predica, assolutamente fanatico. Eppure, è necessario ridistruggere la Torre. E’ necessario, mica perché Dio si preoccupi più di tanto di vedersi tampinato dall’Io, ma perché stiamo rischiando di porre in delirio la mente. Cosa che, Natura docet, succede ogni volta saliamo cime dove l’ossigeno (la conoscenza) è più rarefatto.

Certamente, è ben difficile (quando non pericoloso e/o vano) poter distruggere quel simbolo del collettivo orgoglio intellettuale. Tuttavia, il collettivo è composto di parti, ed ogni parte, è suo mattone. Ciò che non si può fare nel collettivo, quindi, lo si può, nel singolo, o lo può il singolo. Lungi da me l’idea di invitare il singolo mattone a suicidarsi (culturalmente) onde poter permettere lo smantellamento del collettivo orgoglio detto dalla Torre. Più vicino a me, invece, è l’idea di contenimento dell’orgoglio. Come? Auto_riducendosi. In che senso? Ritrovando la misura uomo, che abbiamo perso nella misura orgoglio. Come? Ad ognuno la sua risposta.

Rispondere al posto d’altri è continuar a costruire la Torre.

afinedue