Il flauto magico del partito dell’amore.

A mio avviso, il segreto della capacità di seduzione del Berlusconi sta nel tono della voce. Non è maschile, non è femminile, eppure, “suona” all’orecchio altrui in ambo i toni; è una voce che, almeno a me, comunica emozioni ermafrodite; è una voce che posseduta possiede; è una voce che ha carattere transessuale; affascina, non per quello che dice, ma, appunto, per l’indefinito che possiede il tono con cui dice.
Per l’insieme di quanto ipotizzo, della voce del Berlusconi, ognuno ascolta quello che più sente di complementare. Se uditore maschio, sentirà la voce femminina, ma non solo; se uditore femmina, la voce mascolina, ma non solo. Con altre parole, sentirà l’emozioni del padre con alle spalle quelle della madre, o sentirà le emozioni della madre con alle spalle quelle del padre. Tutto considerato, è una voce, che nell’abbraccio fra generi, fa famiglia. Tutto considerato, è una voce per spiriti orfani.

rosaquattro