Erosgrafia, mercato e mercanti.

frontepost

Nel dicembre del 2008 mi viene l’idea Erosgrafia.
Prevedo che lo spazio concesso da blogs.it non sia sufficiente e mi appoggio ad un hosting: iouppo. Ad un certo punto della storia, però, l’hosting cambia cavallo in corsa, nel senso che diversifica la sua offerta: da senza limiti a con limiti: da senza prezzo a con prezzo.
Non discuto su dei motivi che posso anche economicamente capire; discuto sul fatto che per le mutate condizioni dell’ospitalità, m’ha cancellato tutte le immagini, ed m’ha praticamente azzoppato tutti i post; sui centoventi/centotrenta, giusto per la cronaca.
Conservare nel blog dei post invalidati sia nella forma che nella sostanza (miei scritti e commenti) non ha alcun senso. Al che, non ho potuto non togliere anche quelli che mi aveva lasciato. Avete presente cosa significa star lì a verificare e cancellare un centinaio di post?! Avete presente cosa significa mandare a ramengo tutte le emozioni, il pensare, il fare, che strutturano dei testi quando sono, direi proprio, partoriti dall’animo? Si, sono certo che l’avete presente! Testimoniare la mia presenza presso quell’hosting in FaceBook mi pareva proprio doveroso. Mi toglierò. Morale della favola: se non volete ritrovarvi così  pensateci su!

 

cappio

afinedue