Pensando alla vostra festa, Donne.

agirasoleSotto di me abitavano due della confraternita s. Frocio. Uno dei due amava il giardino che aveva ricavato mettendo terra su delle pietre. Le piante dovevano aver capito quell’amore perché crescevano da far dispetto ai soliti pollici. A lato del cancello aveva piantato una mimosa. Un sorta di ragnetto per i primi anni,  ma poi, un caspo di giallo che era una cura per l’animo. Si sono trasferiti. La mimosa è morta. Forse dal dolore. Al loro posto una donna, e al posto del giallo, uno scheletrato grigio. Da allora non sono più capace di regalare mimose, come non sono più capace di accostarmi ad un giovane. Vi piacciono le rose?

separabiancaaarchiviodue