Se la botte gay è vuota, quando mai avremo la moglie ubriaca?

L’idea sotto esposta è pesante. Nelle mie intenzioni, infatti, intende essere uno schiaffo. “chiesa cattolica”, “cattolicesimo romano” e “gerarchia ecclesiastica” in minuscolo sono voluti. “Ammalati di separazione” sono gli ipocriti e gli schizofrenici. L’idea, quindi, tocca la morale, (o meglio, l’amoralità che ci costringono a vivere, dal momento che possiamo aderire alla chiesa romana solo recitando una parte), e tocca la psiche, in quanto, il recitare una parte, (l’ipocrisia), implica la scissione dal soggettivo sé: notoria e gravissima causa di danno per la personalità tutta, se esistenzialmente perseguita per motivi di sopravvivenza. Se mai siamo ammalati, infatti, lo siamo per mancata accoglienza, (religiosa e politica), non per Omosessualità. Ne farei delle inserzioni sui giornali, del volantinaggio davanti le chiese. Niente male quella davanti s. Pietro e alle sedi politiche più rappresentative. La proporrei per i siti, (gay e non), che condividono, e/o appoggiano, il nostro pensiero, e/o la nostra spirituale condizione di Credenti e di Persone. Naturalmente, la invierei a tutti i siti religiosi: cattolici e/non. Proporrei al mondo gay europeo e americano di farla propria. Se nel mondo gay straniero non vi fosse l’iniziativa dell’otto per mille, si trovi il modo di adattare questa po po’ (di Campagna alle contingenti situazioni. Dimenticavo: la porterei alla conoscenza del Grillini, (una dichiarazione del genere detta dalla sua posizione farebbe un bel ciocco!), e ne farei un motivo di discussione anche per i futuri Gay Pride. In questa iniziativa non intendo figurare come nome, e/o come “per Damasco”, perché, voglio far emergere una storia, non, la mia storia. Non mi sono rivolto all’Arci Gay della mia città per un semplice motivo: nessuno è profeta in patria. Giusto per non essere accusato “de fare tuto mi”, mi fermo con i miei più cordiali saluti.

 La proposta:

Dai Gay per la chiesa cattolica: campagna di stampa a favore dell’otto x mille

 Il cattolicesimo romano ammala di separazione la nostra ricerca di integrità, pertanto, noi ci dichiariamo Fuori!

 Nonostante ciò, invitiamo i Gay a lasciargli i suoi soldi.

Lettera spedita a un Gruppo in LGBT. Non ho ricevuto neanche un, crepa di risposta! La peggior omofobia interiorizzata l’ho constatata in quei Centri ogni volta ci ho avuto a che fare. Poco, per la verità, ma quanto basta.

nord