Omofobia dentro e fuori

La metterei così: visto che viviamo in “una valle di lacrime” (infinite, tanto da non poterle elencare tutte) come pensare di non averne gli abiti impregnati del loro sale? Certo! Capiamo bene che omofobia di gay verso gay è un errore schifoso, ma intanto ci ha deformato. Non c’è ne accorgiamo in tempo perché quella formante deformazione cominciamo ad assorbirla in famiglia (se non prima) e/o in altro ambito: amicale o collettivo, ecc. Si, l’omofobia di gay verso gay è la nostra gobba. Non ci accorgiamo di averla (tanto o poco, tutti) perché non sempre è grossa dal punto da sformare, tuttavia, c’è. Nei casi di fobia generalmente contenibile (colpisce sia i diversi verso diversi, e non diversamente noi) si chiama antipatia. Rendersi conto che tutti (homo o no) stiamo equivocando sui nomi e sui significati, è già un aggiustare la giacca.

afinedue