Una blogger si chiede: gay è razzista?

Carissima: non siamo diversi (in quanto Finocchi) perché alcuni hanno l’indole verso un non comune uso del sedere, ma siamo diversi perché noi stessi o perché no; e tale diversità, volenti o nolenti, ci accumunerebbe agli etero, se solo sapessero essere diversi perché sé stessi.

Rileggi a mente fredda il mio post, (se è quello che ha motivato il tuo commento) e vedrai che non è il razzismo, il soggetto del discorso. Nessuno, (almeno nessuno che conosco) è, di per sé, contro un altra razza. Al più, è contro forme di non corrispondente civiltà, usi, o costumi. O per altro dire, contro forme di civiltà di barbara provenienza.

E’ anche vero, però, che anche a noi capita di essere barbari a noi stessi. Capita anche, però, che non siamo abbastanza razzisti verso la nostra barbarità. Saremmo probabilmente migliori, se lo fossimo. Saremmo in Paradiso, se lo fossimo. Invece, siamo in Adamo: nel nato dalla terra. Porta pazienza, allora, se qualche volta ti diamo (gay e no) dei motivi di sconcerto.

afinedue