Gayenna

MEMORIE DI UN TARDO ADOLESCENTE

Gayenna e’ isola e isolamento, fortino e carcere dei confinati da giudizio. In Gayenna vengono reclusi o si recludono. Da Gayenna evadono o si rifiutano. Qualche volta si raccontano: siamo diversi perche’ noi stessi o perche’ no.

 

 

manofronte
Come un cieco t’ho percorso con le dita. Pensavo di capire l’amante.
Ho capito la vita.
Gayenna: la vissuta. La circumnavigata. C’è penna e Penna
Mentre si vive sé stessi

grurit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...